Corrado Bonicatti 1940 - 2017

Siamo felici di informarvi che a partire da martedì 19 maggio, la Galleria Edieuropa sarà nuovamente aperta al pubblico secondo le disposizioni del DPCM del 26 aprile 2020.

Nell’attesa di tornare ad accogliervi nella nostra sede di Palazzetto Cenci con la mostra “BONICATTI. Visioni. Opere dal 2006 al 2016”, prorogata fino al prossimo 19 giugno, abbiamo pensato di offrirvi un tour virtuale dell’esposizione

 

Galleria edieuropa QUI arte contemporanea

Piazza Cenci 56, 00186 ROMA – 06 64760172
edieuropa@tiscali.it
www.galleriaedieuropa.it
www.corradobonicatti.com


Condivi sui Social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Corrado Bonicatti, recentemente scomparso, costituisce nel panorama artistico contemporaneo, una presenza rara per l’intensità di una luce evocativa che inserisce il pittore tra gli eredi di Turner, Rothko, Morandi, Music, per non citare che alcuni grandi.

L’artista è uno degli ultimi maestri del ‘900 capaci di nutrire una costante passione per il recupero di antiche tecniche. Innumerevoli velature gli consentono di raggiungere ricche finezze cromatiche e fluidità di riflessi che concentrano un senso epifanico e insieme pudico della bellezza.
 
“Bisogna essere in grado di riflettere anche le cose più pure” ha affermato Gide.
 
Un colore legato alla particolare intensità percettiva dell’artista, gli consente di trasferire sulla tela un silenzio che racconta solitudine e grandiosità di paesaggi reali e dell’anima, svela interni di intimità sussurrate, sublima notazioni figurative in entità altamente simboliche. Nasce così un misterioso accadimento estetico, mediato dalla luce che genera risonanze interiori:  l’incontro tra le arti da sempre ha congiunto estetica e etica.
 
 
La produzione ultima testimonia una ricerca di assoluto, resa più evidente in opere di grandi dimensioni che denotano un’attrazione per l’irraggiungibile, elemento costante della ricerca esistenziale di Corrado Bonicatti: un pittore che, per la sua maestria, è da annoverare nel panorama artistico contemporaneo.
 
Maria Teresa Benedetti