Top

CORRADO BONICATTI 1940 -2017

Corrado Bonicatti, recentemente scomparso, costituisce nel panorama artistico contemporaneo, una presenza rara per l’intensità di una luce evocativa che inserisce il pittore tra gli eredi di Turner, Rothko, Morandi, Music, per non citare che alcuni grandi.

L’artista è uno degli ultimi maestri del ‘900 capaci di nutrire una costante passione per il recupero di antiche tecniche. Innumerevoli velature gli consentono di raggiungere ricche finezze cromatiche e fluidità di riflessi che concentrano un senso epifanico e insieme pudico della bellezza.
“Bisogna essere in grado di riflettere anche le cose più pure” ha affermato Gide.
Un colore legato alla particolare intensità percettiva dell’artista, gli consente di trasferire sulla tela un silenzio che racconta solitudine e grandiosità di paesaggi reali e dell’anima, svela interni di intimità sussurrate, sublima notazioni figurative in entità altamente simboliche. Nasce così un misterioso accadimento estetico, mediato dalla luce che genera risonanze interiori:  l’incontro tra le arti da sempre ha congiunto estetica e etica.
La produzione ultima testimonia una ricerca di assoluto, resa più evidente in opere di grandi dimensioni che denotano un’attrazione per l’irraggiungibile, elemento costante della ricerca esistenziale di Corrado Bonicatti: un pittore che, per la sua maestria, è da annoverare nel panorama artistico contemporaneo.

Roma 21 marzo 2019.                 Maria Teresa Benedetti

Ultimi Lavori

10

“Se è vero che la pittura in questi anni non è più di moda, soppiantata dall’esigenza dello
stupire che ha caratterizzato alcune espressioni artistiche di successo degli ultimi
decenni, l’esigenza di trasporre le emozioni in immagini, in paesaggi dell’anima, non potrà mai cessare.”
Corrado Bonicatti

BIOGRAFIA

Nasce a Roma nel 1940. Vive e lavora a Roma o nel casale di Sabaudia. Autodidatta, fin dalla prima giovinezza si dedica al disegno e all’acquarello.

Nei primi anni ’60, oltre allo studio ed al disegno, svolge un’intensa attività in campo musicale, realizzando numerosi dischi, soprattutto come compositore, senza tuttavia tralasciare gli studi universitari che conclude regolarmente.

Alla fine degli stessi anni inizia una ricerca astratta incentrata sul tema dello spazio, lavorando prevalentemente su metallo e su legno.

Negli anni ’70, contestualmente ad un’utilizzazione sempre più frequente della tecnica ad olio, appaiono temi figurativi ispirati alla nostalgia, alla lontananza, al mistero.

Dagli anni ’80 prendono vita i “paesaggi dell’anima”: evocativi, sfumati, leggeri, ora candidi, ora estremamente densi di colore, abitati sempre da una intensa luminosità.

È da allora che emerge sempre di più lo studio degli aspetti arcani e rivelatori della luce, evidenziati da immagini essenziali e quasi impalpabili di strutture architettoniche immerse tra aria e acqua in un’atmosfera sospesa, densa di memorie e di sensazioni profonde.

Su invito del Comune di Perugia nel 1989 tiene una personale al Palazzo dei Priori ed un’opera è entrata a far parte della Collezione Comunale.

In occasione del Giubileo del 2000 realizza per il Consiglio Regionale del Lazio l’opera La cruna del…l’ago, acquisita dalla Regione Lazio.

Sempre nel 2000 la Banca Nazionale del Lavoro lo incarica di realizzare un’opera da collocare nella collezione della BNL ed inserita nel volume 50 Pittori per Roma nel 2000 (Ponte 4 capi e la Sinagoga).

Per il Comune di Roma, nel 2004, realizza una litografia, Ponte Mollo, tirata in 1000 esemplari. L’originale è stato acquisito dalla Galeria Comunale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

Nel 2005 è invitato dal Comune di Sabaudia a partecipare al Premio Nazionale di Pittura Ferruccio Ferrazzi, nel cui ambito ottiene il Premio Speciale della Giuria con l’opera Convergenze acquisita dalla Galleria Comunale.  Sempre dal 2005 due opere sono esposte nel Museo d’Arte delle Generazioni italiane del ’900 a Pieve di Cento (Bo).

Nel 2009 espone a Palazzo Venezia, a Roma, in una mostra personale curata da Claudio Strinati e Maria Teresa Benedetti e partecipa a “Pittura d’Italia” a Castel Sismondo, a Rimini, curata da Marco Goldin.

Nel 2010, nell’ambito della 37ª Rassegna Internazionale di Arte Contemporanea di Sulmona, ha ricevuto la medaglia del Senato della Repubblica per l’opera: Ara Coeli 3

Ha esposto i propri lavori in numerose mostre insieme a grandi maestri (Afro, Corneille, De Chirico, De Pisis, Fautrier, Greco, Guccione, Man Ray, Morandi, Music, Rosai, Schifano, Turcato, Vespignani).

Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero (New York, Los Angeles, Londra, Parigi, Monaco ecc.).

PREMI

  • 2010 – Medaglia del Senato della Repubblica per l’opera: “Ara Coeli 3”
    nell’ambito della 37ª Edizione della “Rassegna Internazionale di Arte Contemporanea di Sulmona”
  • 2009 – “Premio Culturale Roma Centro Storico”, Centro Studi Cappella Orsini, Roma
  • 2005 – III “Premio Nazionale di Pittura – Ferruccio Ferrazzi”, Sabaudia – Premio Speciale della Giuria per l’opera Convergenze
  • 2003 – “Premio Nazionale di Pittura – Ferruccio Ferrazzi”, Sabaudia
  • 1994 – “IMAGINARIA” ’94, Milano
  • 1989 – II Biennale d’Arte di Algeri
  • 1988 – “Magister ’88. Protagonisti dell’Arte italiana”, Föderung von Kunst und Kultur Ets., Lugano
  • 1987 – “Magister ’87. Protagonisti dell’Arte italiana”, Föderung von Kunst und Kultur Ets., Lugano
  • 1979 – VIII Premio d’Arte “Enrico De Nicola”, Palazzo Valentini, Roma
  • 1979 – “X Rassegna d’Arte Contemporanea Città di Avellino”, Palazzo Comunale, Avellino

PERSONALI

  • 2009 – “Dialoghi di luce” la purezza della pittura, Palazzo Venezia, Roma
  • 2002 – Libreria “Bibli”, Via dei Fienaroli 28, Roma. Mostra personale in occasione della presentazione del libro di Massimo Modica “Che cos’è l’estetica?”, Editori Riuniti, illustrato in copertina da “Ara Coeli 2” di Bonicatti
  • 2001 – “Isolario”, galleria “Forni”, Via Farini 26, Bologna
  • 1996 – “Interiorità e memoria”, galleria “Yanika”,via Gregoriana 16, Roma.
  • 1991 – “Arcana lucis”, galleria “Il Narciso”, via Alibert 25, Roma.
  • 1991 – “Sala del Consiglio”, Comune di Sabaudia (LT).
  • 1989 – “La leggerezza dell’infinito”, Palazzo dei Priori, Perugia.
  • 1988 – “L’attrazione dell’irraggiungibile”, galleria “il Narciso” , via Alibert 25, Roma.
  • 1986 – “Il fascino inquietante della solitudine”, galleria “il Luogo” , via della Lungara 15, Roma.

PREMI

  • 2010 – Medaglia del Senato della Repubblica per l’opera: “Ara Coeli 3”
    nell’ambito della 37ª Edizione della “Rassegna Internazionale di Arte Contemporanea di Sulmona”
  • 2009 – “Premio Culturale Roma Centro Storico”, Centro Studi Cappella Orsini, Roma
  • 2005 – III “Premio Nazionale di Pittura – Ferruccio Ferrazzi”, Sabaudia – Premio Speciale della Giuria per l’opera Convergenze
  • 2003 – “Premio Nazionale di Pittura – Ferruccio Ferrazzi”, Sabaudia
  • 1994 – “IMAGINARIA” ’94, Milano
  • 1989 – II Biennale d’Arte di Algeri
  • 1988 – “Magister ’88. Protagonisti dell’Arte italiana”, Föderung von Kunst und Kultur Ets., Lugano
  • 1987 – “Magister ’87. Protagonisti dell’Arte italiana”, Föderung von Kunst und Kultur Ets., Lugano
  • 1979 – VIII Premio d’Arte “Enrico De Nicola”, Palazzo Valentini, Roma
  • 1979 – “X Rassegna d’Arte Contemporanea Città di Avellino”, Palazzo Comunale, Avellino